Origini

Il Gatto Certosino e le sue origini tra mito e leggenda

Il certosino è un gatto abbastanza diffuso, le sue origini sono presumibilmente mediorientali. Accurate ricerche lo dimostrano, così come la sua particolare pelliccia, adatta a sopportare gli sbalzi termici di quelle regioni. Infatti il certosino è una razza naturale, non “inventata” dall’uomo come altre. Già nel medioevo si hanno notizie di un gatto completamente grigio chiamato di Malta o di Cipro.

Si dice essere stato introdotto in Europa dai crociati o, perché no?, dai romani. È risaputo che i romani trafugassero gatti dall’ Egitto dove questi erano venerati; forse gli egiziani conoscevano questo gatto dato che avevano rapporti commerciali con i paesi di origine dello stesso. Comunque il gatto arriva in Europa e questo è confermato in diverse opere letterarie, alcune risalenti circa al XVI secolo. Per esempio in un poema di Du Bellay ” Versi francesi sulla morte di un piccolo gatto”, scritto nel 1558 tra l’altro a Roma dove l’autore aveva seguito lo zio cardinale. Citato nel “Dizionario Universale del Commercio di Storia Naturale e Delle Arti e dei Mestieri” scritto da Savarry Des Bruslon nel 1723, viene chiamato per la prima volta Gatto Certosino.

L’opera tecnica era destinata ai commercianti e cita quanto segue: Certosino nome volgare di un gatto che ha il pelo grigio, la cui pelliccia è commercializzata dai pellicciai. Così riporta pure “La grande enciclopedia” apparsa nel 1753, e ancora “Il Dizionario Ragionato Universale Degli Animali” apparso nel 1759 che recita: chiamano a Parigi gatti Certosini quelli che sono interamente colore cenere”. Nella stessa epoca il gatto Certosino viene descritto dal grande naturalista Buffon in un’opera dove vengono riportate altre razze di gatti. L’opera mostra un gatto con il pelo corto folto e lanoso con il naso dritto senza stop, la coda dritta che finisce appuntita. Nell’edizione del 1832 le riproduzioni sono a colori: il Certosino è blu ardesia e l’occhio è giallo…

Il Certosino viene allevato in Francia per la sua pelliccia, ne dà prova nel suo libro “Nos Betes” il Dott. Beauregard; il testo scritto nel 1896 dice che la pelliccia di tale gatto dopo morto è utilizzata in diverse maniere e venduta come petit gris, mentre opportunamente rasata e tinta è venduta come pelliccia di lontra. Comunque sia, l’opera già citata di Savary Des Bruslon ci suggerisce la più accreditata spiegazione sull’origine del nome di questa razza. Infatti all’epoca “pile de Chartreux” indicava una pregiata e famosa lana spagnola nonché il nome del povero gatto che la “forniva”!

L’allevamento moderno persegue finalità più nobili e dagli anni trenta due sorelle francesi, le signore Léger, iniziano ad allevare gatti blu provenienti da un’isola nell’Atlantico. Dopo pochi anni la loro gatta all’ esposizione di Parigi fu definita come il gatto certosino ” più bello al mondo”. Contemporaneamente nasce un allevamento di gatti blu nella regione montuosa centrale francese.

Contattaci sui social

News, eventi e quant'altro sul mondo dell'allevamento del Gatto Certosino Holy Templars sui nostri social.
Seguiteci per essere informati sulle prossime cucciolate dei nostri certosini.

Su di noi

Allevamento Amatoriale del Gatto Certosino di Alta Genealogia, riconosciuto dalla Federazione Internazionale Felina (Fife) e dall'Associazione Nazionale Felina Italiana (ANFI).

Holy Templars Chartreux aderisce al Certosino Cat Club e membro di Unconventional Chartreux TEAM

Ultime News

Esposizioni
11-09-2017
Esposizioni
Expo Locarno 2016
19-09-2016
Expo Locarno 2016

Contatti

Holy Templars Chartreux.
di Alessandro Leccese
Via Lussemburgo 7/1
10043 Orbassano (TO) ITALY
+39 3455401441 info@allevamentocertosino.it